Incontri

Incontri

In questa pagina troverai tutte le informazioni sugli incontri letterari in programmazione.

maggio

incontro mongardi

Sabato 18 maggio | ore 17:00 | Modera Fiorenza Simonazzi

Notte del 7 luglio 1945: in una piccola frazione della bassa Romagna vengono brutalmente sterminati tutti i componenti della famiglia dei conti Manzoni, grossi proprietari terrieri e lontani parenti dello scrittore Alessandro Manzoni.
L’eccidio, mai del tutto chiarito, provocò all’epoca forti polemiche e interrogazioni parlamentari. Ancora oggi si discute e ci si interroga sulle vere motivazioni che spinsero quegli uomini, a guerra finita, a compiere quel gesto scellerato.
A metà strada fra il noir e il romanzo d’inchiesta, il testo si cala dentro la storia, rievocando, attraverso la voce dei protagonisti, la drammatica atmosfera da guerra civile che ha insanguinato l’Italia di quegli anni.

Fabio Mongardi è nato e vive a Faenza. Ha pubblicato con le case editrici Mobydick, Giraldi e in Germania con la Scherz Verlag e la S. Fischer.
Con Parallelo45 edizioni, nel 2015, ha dato alle stampe il romanzo inchiesta “Il caso Manzoni”, finalista al Premio Mario Pannunzio di Torino. Suoi racconti sono presenti in numerose antologie. Ultima pubblicazione “ Il verme”.

Venerdì 24 maggio | ore 17:00

Piccoli Mondi Moderni è una collana di narrativa accuratamente selezionata. Principalmente composto da racconti e romanzi brevi, questo nuovo progetto è dedicato a testi di autori contemporanei e ogni libro, come suggerisce il richiamo alla collana di classici ABEditore, è pubblicato in una veste singolare e accuratissima.

Saranno presenti gli autori Luisa De Vita, Matteo Zanini e Giuseppe De Stefano.

incontro mairani

Mercoledì 29 maggio | ore 17:00 | Modera Stella Manduchi

Un ballerino e una ballerina, perfettamente in simbiosi, danzano in una milonga ispirati dalle note di un suonatore di bandoneón. Si tratta del soggetto di Volver, un dipinto che cattura l’attenzione di Fosca, giovane musicista bolognese appassionata di tango. L’autore decide di regalarle l’opera e irrompe nella sua vita: Andrea è un pittore ferrarese dal passato turbolento, che alterna momenti di passione e luminosità a brusche cupezze.
Il rapporto tra i due è fin da subito sublime e disperato allo stesso tempo; incapaci di condurre la loro storia sui binari della “normalità”, finiscono per mescolare gli aspetti positivi e negativi delle proprie anime e del proprio vissuto senza risparmiarsi nulla. A unirli è anche il destino del Biondo, miglior amico di Andrea; un ragazzo dalla reputazione non limpida che però nasconde una forte carica di umanità.

Francesca Mairani è nata a Bologna nel 1968 e vive sulle colline dell’entroterra romagnolo. Sin da bambina ha manifestato la passione per le parole scritte e le storie narrate. Questo è il suo primo romanzo.

incontro milanesi

Venerdì 31 maggio | ore 17:00 | Modera Francesca Mellone

È possibile capire Israele e Palestina a partire dall’immaginario che avvolge i diversi luoghi che compongono quella terra? Una terra complicata in cui la memoria viene utilizzata come titolo di proprietà e il sovrapporsi di narrazioni e miti antagonisti rappresenta forse l’ostacolo maggiore a una possibile riconciliazione tra i due popoli che la abitano. Questo libro, sotto forma di reportage narrativo, tenta di far parlare pietre e tombe, strade, moschee e sinagoghe attraverso i ricordi e i racconti di coloro che se le contendono. Una pluralità di voci e di interpretazioni, di microstorie individuali e di identità lacerate che testimoniano di come la trama di fondo della Storia, in tutta la sua complessità, corra sul filo di una memoria irrimediabilmente divisa.

Chiara Basso Milanesi ha insegnato per trent’anni Storia e Civiltà Italiana alla facoltà Facoltà di Scienze Politiche e alla Facoltà di Lettere di Aix en Provence. È stata traduttrice per Marsilio, Laterza, Il Mulino sia dal francese che dall’inglese. Ha collaborato col settimanale “Il Diario” e con la rivista “Zero”. Le sue fotografie su Israele e Palestina sono state esposte in più mostre fotografiche in Francia. Dirige un seminario sulla letteratura israeliana presso il Centro di Studi Ebraici di Aix en Provence.